Torno con il pensiero a quei giorni in cui ero disteso in un letto di ospedale dove…prendevo appunti, riponendoli poi nel cassetto del mio comodino. Pensando che mi sarebbero serviti magari per una lettura personale fondamentalmente per non dimenticare. Arrivò poi il giorno…

La voce dell’anima, pag. 15, Piazza Editore e Officina Letteraria della Fondazione Altre Parole