Scrittura autobiografica

L’OFFICINA LETTERARIA E’ PROPRIO COSÌFeatured

 

L’OFFICINA LETTERARIA E’ PROPRIO COSÌ

Lo abbiamo chiamato Officina Letteraria lo spazio dedicato alla scrittura della Fondazione Altre Parole. E mai termine è più azzeccato, almeno per me.

Riflettendo…

Le persone che scrivono con me portano in superficie le loro parole, le loro storie, le loro cose a volte non dette. Così né possibile la rilettura che è parte integrante da cui non si può prescindere nel laboratorio. Poi c’è il gruppo e la potenza della condivisione per specchiarsi nelle parole altrui, trovarne di nuove, dare senso con le parole degli altri ai propri scritti. Insieme per portare il proprio fardello con più leggerezza.

Nell’officina ad ognuno il proprio

Il laboratorio lavora quindi sotto la luce della consapevolezza, portando tutto nel qui e ora. Svolgerlo insieme a psicoterapeuti che fanno da supervisori o tutor è qualcosa di più che può portare nuovo aiuto a chi scrive per praticare una seconda lettura con il professionista di riferimento. Il gruppo di suo dà naturalmente sostegno a chi scrive. E’ una questione di rendere Luca al quadrato per star vicino a chi a volte disperatamente cerca l’introvabile, ma tenacemente trova l’insperato.

Buona scrittura a tutti!

Pensieri e Parole di...

BUIO MAESTROFeatured

di Rosa B.

————

Osservo
con occhi nuovi
sotto nuova luce
osservo con gli occhi del cuore
che sanno accogliere anche le nostre miserie
osservo
per ricominciare
osservo per scegliere
di portare con me il bello
senza dimenticare che anche il buio più profondo
può esserci maestro.

 

Scrittura autobiografica, Uncategorized

Conoscete la profondità del benessere?Featured

Si chiama Profondità del Benessere ed è alla sua terza edizione. Cos’è? Un luogo di incontro per persone che hanno nel loro destino un cammino comune e la costrizione a fermarsi per armarsi (rileggendo basterebbe togliere una lettera e diventa amarsi, la guerra e l’amore sono così vicine. Lo so, lo avranno scritto in molti…) di pazienza volta a sciogliere alcuni nodi necessariamente da sciogliere.

Ed io cosa ci facevo alla profondità del Benessere?

Persona con i suoi nodi da sciogliere e parte della famiglia di Fondazione Altre Parole che organizza questo e altri momenti in cui serve ricordare che la cura non è della malattia in senso stretto, bensì della persona in senso lato. Così eccomi a condurre un laboratorio di scrittura autobiografica dove, è giusto ribadirlo, chi insegna sono i partecipanti che trovano nelle parole scritte un modo per far emergere i loro racconti, più conosciuto o meno famosi per loro stessi.

E quindi? Com’è andata?

Emozionante, ma non c’era dubbio. Utile, penso proprio di sì. Emozionante perché il gruppo come sempre porta la ricchezza di ognuno dei suoi componenti che viene valorizzata da alcune scelte “esercizi” che ci possono accompagnare nella pesca delle parole giuste per quel momento. E’ stato detto, mamma mia quanto abbiamo lavorato. Ma poi da qualcuno è arrivato anche un ritorno su come quel lavorare, in alcune vie iniziatiche viene detto sgrossare la pietra, poi ci sente più leggeri. Pensate al cubo di marmo che affronta l’artista, sicuramente dopo settimane di lavoro sarà una bellissima opera d’arte, che peserà meno, per la quale c’è voluto lavoro, impegno, ma anche sogno e ascolto.

PER ME? GRAZIE A TE! A VOI!

Per me è stata emozione. Il corpo ha risposto. Non sono mancati brividi e tremolii per dire che le energie stavano compiendo il loro corso. Quindi grazie a tutti.