L’OFFICINA LETTERARIA E’ PROPRIO COSÌ

Lo abbiamo chiamato Officina Letteraria lo spazio dedicato alla scrittura della Fondazione Altre Parole. E mai termine è più azzeccato, almeno per me.

Riflettendo…

Le persone che scrivono con me portano in superficie le loro parole, le loro storie, le loro cose a volte non dette. Così né possibile la rilettura che è parte integrante da cui non si può prescindere nel laboratorio. Poi c’è il gruppo e la potenza della condivisione per specchiarsi nelle parole altrui, trovarne di nuove, dare senso con le parole degli altri ai propri scritti. Insieme per portare il proprio fardello con più leggerezza.

Nell’officina ad ognuno il proprio

Il laboratorio lavora quindi sotto la luce della consapevolezza, portando tutto nel qui e ora. Svolgerlo insieme a psicoterapeuti che fanno da supervisori o tutor è qualcosa di più che può portare nuovo aiuto a chi scrive per praticare una seconda lettura con il professionista di riferimento. Il gruppo di suo dà naturalmente sostegno a chi scrive. E’ una questione di rendere Luca al quadrato per star vicino a chi a volte disperatamente cerca l’introvabile, ma tenacemente trova l’insperato.

Buona scrittura a tutti!